martedì, gennaio 29, 2008

vedo e faccio mio

mi perdonerà il mio produttore di idee geniali...
la rinascita passa anche da qui (Perton), oltre che dal latino, dal basso, dallo scialpinismo... e come gridavamo alle superiori (per chi ha orecchi per intendere) "FUOCO E FIAMME...FUOCO E FIAMME!!!!"

lunedì, gennaio 28, 2008

fortissimo

video

purtroppo non sono riuscito nel w.e. a caricare i post scritti... il concerto di cui parlavo eccolo qui...da pelle d'oca! Da pelle d'oca con chi sono andato e perchè, come è stato organizzato... In questo video sicuramente conserverò non pochi ricordi di questo periodo. Sarebbe stato grandioso andarci con Chiara e Marco...ma forse è stato meglio così...alla fine le cose devono per forza di cose andare per il meglio. Della serata trattengo due bellissimi occhi e un bicchiere...si perchè se ti cacciano fuori per 2 volte da un locale nella stessa sera e il bicchiere è ancora mezzo pieno, te lo porti via, così almeno hai qualcosa da bere insieme alla pizza, alla brioche calda al cioccolato e alla nutella!

Cronache di una notte di mezzo inverno

Sapete cosa è il bello di una casa da solo?!
E’ tornare da una serata di latino americano, alle 2.20 di notte, sedersi sul divano con una birra, spegnere la luce e accendere 3 candele: una sopra il camino, una sopra il tavolo e un ‘altra tra la cucina e la sala. E’ non sentire mia madre che commenti tutto questo. E’ poter alzarsi e fare una serie di 15 trazioni per sfogare un po’ la testa.
E’ poter accendere il laptop e sfogare anche qui i pensieri di una giornata. Come volerli fissare perché un giorno rileggerò tutto e tutto mi sembrerà “strano”, sarà un “sono stato anche così”.
E ridere, cazzo, sì posso ridere a casa mia e da solo, per fortuna o purtroppo. Posso alzarmi dal divano e girare per casa cercando i luoghi dove ancora la mia creatività non ha avuto sfogo… e allora vedere che manca la lavagna in cucina dove attaccare post it e scrivere tutte le cazzate che mi passano per la testa (insieme alla lista della spesa), scoprire che ho comprato dei fiori adesivi che non ho ancora incollato e che non so nemmeno dove. Posso accendere il lettore cd e pensare che i vicini probabilmente non avranno i miei stessi gusti musicali… e anche se li avessero… non alle 2.45 di notte! Allora pensare ad un mio vecchio amore, mai comprato: le cuffie Sennheiser wireless: giri per casa in quel tour esplorativo con la musica che ti accompagna.
Allora adotto un sistema complesso: metto insieme il mio cavo da concerto da 12 m, con tutte le riduzioni e modifiche alle prese Kanon-Jack per adattarlo all’uscita audio del lettore cd.
Apro il case dove ho tutte i cavi e gingilli che usavo per suonare, passo vicino al mio Laurus: lo sfioro, lo accarezzo seguendone la forma…e un pensiero… cacchio adesso ci provo… avere casa da solo significa prendere un basso e suonarlo anche alle 3.00: “fammi vedere come viene Stella del mattino accompagnata da un basso”.
Ora lo riappoggio sul suo trepiedi e continuo nel mio giro per casa: “allora sta parete la faccio rossa o no?!” A Silvia rossa piaceva, a Chiara le pareti colorate no, meglio i mobili secondo lei… Francesco qui deve fare ancora il suo disegno, Alessandro la preferiva blu. E a me?! Cosa piace a me?! Cosa cerco?! Cosa mi piacerebbe?! Cosa vorrei?! Cosa vorrei per me?! Come la mia casa, come la mia vita… “ fermo, per dio, fermo non partire con le tue masturbazioni mentali…”
Meglio passare dal frigo… meglio un’altra birra…”eih non hai mai bevuto così da solo! Va beh non è mica un problema: sono le 3.20 e…sono a casa da solo!”
Passo dal pc, e scopro che a metà della seconda birra, con la stanchezza accumulata… torno più spesso nel testo per correggere errori di battitura che implacabile una bisciolina rossa mi evidenzia.
“caspita questo passaggio di violino proprio non lo ricordavo…”
Ore 3.40, alzo la testa e ho davanti la foto del mare “come si chiamavano le 3 sorelle?!…ecco Francesco…e Diego dove è?! Ah sì… è quello che ha fatto la foto! Poi Valentina…chissà che fa valentina?! Avrà finito l’università a Bologna?! E quest’estate ha venduto ancora collanine in uno di quei negozi di bigiotteria a Riccione oppure ha lavorato in un bar come quando l’ho conosciuta?!... e la sua amica grassona come si chiamava?! Bho…chissenefrega… se non ricordo male loro erano al bagno 56…ed io al 64… lo stesso dell’Hotel Corallo, quell’hotel strafigo dove mio fratello era riuscito ad avere il permesso per andare in piscina ugualmente per fare il suo primo corso di nuoto…dove sono le foto che gli ho fatto alle sue prime sguazzate?!... e mio fratello…chissà se è già a casa oppure è in discoteca a fare il coglione con le ragazzine…certo che è a casa scemo: è venerdì, domani va a scuola!, sta domanda fattela domani Emanuele…ma che effetto ti fanno 2 birre a quest’ora…non ragioni più?!”
“Che ore saranno a Vancouver?!, che farà il Cartaio?! Va beh, buona fortuna amico, che ne hai bisogno…tu sì che stai correndo dietro ai tuoi sogni, sono loro che continuano a sfuggirti…sì mai poi torni…:ti devo venire a prendere all’aeroporto fra 10 gg!! Chissà quante cose mi racconterai, ed io?!”
“Cioccolato!!!! Sì, sì cioccolato…ora è il momento del cioccolato!”
Domani addio giornata produttiva…qui mi sto esaurendo nello scrivere! Colpa della musica e della mia testa…”che ti ridi stronzo??, cosa cacchio hai da ridere: sei davanti ad un computer, non stai dormendo, non sei con nessuna donna, non stai ballando: che cazzo hai da ridere?!?!...vattene Gollum, esci dalla mia testa!”

Ora spengo, ora sono arrivate le Onde, ora mi faccio cullare, è l’ultimo sorso di birra, è una promessa di una carezza ad una persona desiderata e mai trovata, è una vita che scorre ed io la scolo come questa birra, è uno strofinamento agli occhi che si chiudono su questa giornata inacidita da troppe persone che centrano poco con me, sono i cartongessi da posare domani a casa di clark e il concerto di domani sera…chissà come andrà il concerto…
Ore 4.20, buona notte mondo. Io “termino le ostilità “, vado sotto il mio piumone, io e i miei 4 cuscini. Al Destino di domani. Un sorriso.

mercoledì, gennaio 23, 2008

e che CaZ2O!!!

arriva il cedolino paga...
- lo apro gioioso perchè probabilmente già da questo mese avrei trovato il nuovo stipendio figo!
- calcolatrice alla mano perchè mi sorge un dubbio...
- inizia uno strano rumore nella stanza
- capisco che viene tra la mia sedia e cmq sotto il tavolo...
- ora distinguo chiaramente la natura del rumore...per internderci assomiglia ad un frullatore, oppure alla centrifuga della lavatrice, ma più in piccolo...
- sì sì... sono proprio i miei coglioni che stanno girando a più non posso...
TOTALE TRATTENUTE, DA STO FOTTUTO STATO: 64,70%!!!!!!!!!
e poi non devo andare in Canada!?!?!? e poi bisogna credere nella buona fede della categoria politica che, proprio in questi giorni tira a campare per poter raggiungere "l'anzianità di servizio" e quindi il relativo vitalizio?!?!?!?
...no no scusate...non ho guardato bene.... c'è un'ultima voce, per fortuna...!!!: mi danno un arrotondamento di 0.93 euro!

possibile viaggio?!


Buenos Aires, nella centralissima"Florida Street" dove ogni anno si svolge la tradizionale manifestazione di tango argentino. Deve essere uno spettacolo...

martedì, gennaio 22, 2008

Mumbai Maraton

Tre concorrenti della «corsa dei sogni», di 7 chilometri, organizzata come corredo della maratona di Mumbai, che si è corsa domenica mattina nella metropoli indiana.
Ma che voglia di vivere hanno?!?!?
Mi sento un poco in difetto... mi sento un poco in colpa per tutte le seghe mentali che mi faccio. Mi sa che quando arrivo a casa stasera, a qualsiasi ora arrivi, mi metterò mp3 nelle orecchie ed uscirò a correre. Quante cose da vedere, quante cose da pensare di bello. Probabilmente ho ancora delle gambe in grado di un 3'30''/km e non ha senso che non le sfrutti... è sempre un pò il solito discorso... avere una responsabilità verso il mondo... non è possibile che chi non ha gambe corra, chi non ha ragione per sorridere sorrida ed io abbia smesso di correre con le gambe che ho, abbia smesso di sorridere con la vita che faccio.
La mia nonna direbbe: "te sè mai cuntent!".
"no, nona, te se sbagliet...vuri ves cuntent, ma a volt ghe riesi mia...gò una testa the cazo!...ma stasira tachi ancamò a cur drè ai mè pense...e ghe rivi dinanz pusè bon".

lunedì, gennaio 21, 2008

dopo Bozen

Sto iniziando con un piano che mi faccio paura da solo…
Perché non mi lasciate stare?! Perché la gente è sempre tentata a vedere se il “can dorme” o meno?! Poi non lamentatevi se vi manca un dito, una mano… se vi stacco la testa dal collo oppure mi attacco ai vostri coglioni e non mollo la presa finchè non svenite. Ho raggiunto il livello, oggi ho proprio raggiunto il livello del bicchiere pieno (facciamo anche della botte…). A questo punto, la rabbia lascia il posto al ghiaccio, così come l’angoscia lascia spazio al cinismo, ora sono una macchina schiacciasassi. Ora ho scintille negli occhi e un gran sorriso sulle labbra che maschera tutto. E’ tempo della lucida e creativa vendetta. Il bello di un bastardo è che lo puoi fregare (ma credo che il termine “fottere” sia più indicato visto il tenore del post) sul suo stesso terreno. Hanno scelto la persona sbagliata per fare i loro giochetti e se ne accorgeranno.

Non sopporto come sono ora, non mi sopporto… non sopporto che ci siano persone che riescano a tirar fuori la bestia che ho dentro. Non sopporto che mi si veda o senta così…non è giusto… non sono così. Ma che ci devo fare…dovrei sopportare e soccombere?! Dovrei incassare e poi fare la vittima?! Con chi poi?! Rimpiangere di non avere nemmeno lottato?! La mia pelle la si vende a caro prezzo… e prima di rimettercela, ti faccio rimpiangere di aver pensato che sarebbe stato facile.

Lucido piano, freddo e gelido. A questo punto, non ho nulla da perdere… e la salute non voglio che ci rimetta… invece se continuassi così, se non facessi nulla, sarebbe la prima cosa che ne risentirebbe…prima lo stomaco, poi il fegato…

Per le cose belle del w.e… dopo pranzo, adesso vado a farmi 3 etti di pasta, perché bisogna essere in forze prima della battaglia!

giovedì, gennaio 17, 2008

21.40

21.40 Grassobbio - BG
finito di caricare la macchina
spedite 4 mail... si perchè sembra che altrimenti casca il mondo.
mandate e guidate telefonicamente 3 persone nella scuola di ballo di calco... perchè ci tengo talmente che le mando anche gente che farebbe prima forse ad andare a lecco per agitare il culo a ritmo di salsa...
ora mi metto in macchina
se qualcuno è in ascolto e volesse chiamarmi più che volentieri altrimenti mi addormento sul volante...
guiderò per 3,5 ore di fila così almeno riesco a dormirne almeno 5 prima di essere pronto, rasato, vestito e sorridente per entrare in fiera e dedicarmi a quei crucchi che sembra che mangino gessofibra spalmato di nutella...tanto ne sono avidi.
dio salvi la regina e me
che palle, che lavoro...per fortuna la notizia di ieri che mi alzano ancora lo stipendio...
si ma la felicità ancora non passa da qui e dal gruzzoletto a fine mese...
casa, copertina di pile, dave in dvd, 1 bottiglia di teroldego, cioccolato alle pere o peperoncino, 2 occhi da guardare. E' chiedere troppo?!
Passo e chiudo. buon viaggio a me, buona vita.

mercoledì, gennaio 16, 2008

from Goslar

w l'UMTS!!!
eccomi di nuovo qui in questo spazio senza luogo, lontano qualche centinai di km.
Che sera noiosa, anzi che giornata di mierda!
Mattina: conferenza (rigorosamente in tedesco senza traduttore... della serie: portati il gameboy da casa che butti via meno tempo)
Pomeriggio: riunioni in inglese, della serie perdiamo 2 parole su 1.
Giro per Goslar city che merita molto. Tutto questo condito dalla presenza ingombrante e non discreta dei miei colleghi.
Ieri sera cena con tutti i colleghi di mezza europa: finalmente un po’ di quel sano chiacchiericcio: da dove vieni, hai famiglia, che tempo fa a casa tua, scii o vai in barca vela, ti trovi davanti alle solite domande: “ho visto in tv la mondezza in italia” (e tu spieghi che Napoli è in italia solo geograficamente… e solo per il momento), insomma condividi la sfiga di stare lontano da casa senza una vera ragione che non sentire un pazzo furioso che sostiene di aver inventato un tipo di lastra livellante liquido che puoi mettere dappertutto senza l’uso di primer…quasi quasi ci condisco questo improbabile cosciotto di maiale che mi stanno servendo con broccoli e patate!!!
Torniamo ai colleghi italiani…i più boriosi che potessero capitarmi…ma non potevo fare il tecnico in svizzera?! Va bene anche in spagna. Ho deciso di farveli conoscere. Ho deciso di associare un volto ai racconti precedenti, quelli delle paturnie dei colleghi frustrati.
Ecco la squadra italia che va in trasferta!

Ora, vi lascio indovinare chi è il gatto e chi è la volpe. Chi è quello che scassa il cazzo di più. Chi non tromba abbastanza… e non fate troppo i simpatici dicendo è quello di sinistra perché è come sparare sulla crocerossa!!! Eheheheheh

venerdì, gennaio 11, 2008

Buon Compleanno: 50 anni!

Lo sapevate che tutti i puffi hanno 100 anni, tranne il Grandepuffo che ne ha 542?
Chi non è cresciuto con questi cartoni, nel pomeriggio di ritorno dall'asilo alle 16.30?!
ALtre info: i piccoli ometti blu nati dalla penna di Peyo (aka Pierre Culliford) passeranno per le magie della computer grafica e ci racconteranno una storia (sceneggiata per l'occasione da Herb Ratner) con le voci (si vocifera) di Julia Roberts, Oprah Winfrey, Robert Redford, Steve Buscemi, Jennifer Garner.

giovedì, gennaio 10, 2008

riprende la rubrica

"Accodono cose che sono come domande: passa un giorno oppure anni poi la vita risponde"
Alessandro Baricco in "Castelli di Rabbia"
Strano momento per ritrovare questa frase, intanto io la fisso in questo spazio etereo simile ai miei cassetti di memoria...quando mi volgerò indietro, sorriderò!

mercoledì, gennaio 09, 2008

life motive

CI CREDIAMO?!?!?

No, ridimensionare le attese questo mai...Anche volendo non ci riusciresti, sarebbe solo un'illusione temporanea.
E poi scusa, se siamo così "esigenti" sarà perchè ci meritiamo tanto, no? Questa attesa ce la abbiamo dentro e con un sacco di aspettative, sì, e sono sicura che si tratti di una sorta di promessa di compimento.
Non stancarti di desiderare "di più"!
E' faticoso, lo so, ma se tanto mi da tanto, prima o poi noi (e tutti quelli fatti come noi) saremo i più felici del mondo!

MA Sì! CREDIAMOCI, AL MASSIMO SCOPRO CHE AVEVI TORTO!
(l'autrice del post: )

New Year

"Un fatto smentisce cento teorie, cento teorie non smentiscono un fatto"
(Karl Popper).

Devo scrivere delle vacanze, devo scrivere dell'ultimo,
devo scrivere di cose finite, forse iniziate e piantate a metà. Di passioni che divorano, dei disagi del vivere da solo, dei desideri che nascono, crescono, si condividono, ma muoiono.
Quante cose devo fare... quante cose devo fare per poter dimenticare, diceva qualcun altro.
Dopo tutti questi devo, cosa resta a me?!

Dopo, dico dopo... quanto la porta si chiude dietro e resto solo, dopo, cosa può restare a me?! Di che vivere?! Dei racconti altrui? Delle passioni e delle menate altrui?
No, per carità, no!

Io lascio aperto la porta e non si sa chi si potrà infilare più o meno di soppiatto, sperando che non entri troppo freddo nell'attesa.

Di fatti, dicevo... di fatti riempio la mia giornata, poche parole checchè se ne pensi, poche parole e molti fatti, così con le persone a cui si vuol bene, così sul lavoro, così il mio stile...
ma alla fine non paga...oppure semplicemente: non ha ancora pagato.
Ma cazzo, io continuo a passare dal via, ma i 20 £ non me li danno mai?!?!?!?!?
E intanto il tempo passa, le tende sono state lavate, le ho stese e sono ancora da stirare... poi ci sarà da appenderle alle finestre, ma prima devo mettere i tasselli nel muro, poi c'è da fare una lavatrice di roba nera. Devo anche andare a fare la spesa, forse devo mettere via le pantofole non mie perchè tanto così sono fuori posto.

Poi devo anche dormire perchè altrimenti crollo una volta o l'altra, visto che mi attende una settimana devasto: germania 3gg e 5gg a bolzano, alla Klimahouse.
Quante cose da fare e da dover fare che prendono il posto del "voler fare". E forse in quel passaggio tra il voler e il dover, che si perde il gusto delle cose, bhè va riscoperto... io so che c'è perchè lo sento a tratti, facciam in modo che sia una linea continua piuttosto che tratto-punto.

Dimenticavo! Quando entrate, chiudete la porta, così non entra il freddo con voi.
Your Rockstar Name Is...
Thunder Chaos
What's Your Rockstar Name?